Storie tragiche in Istria – Annamaria

2 novembre 2007 – Commemorazione dei defunti

Bello e toccante questo ricordo con dedica di Gil per la sua cuginetta sfortunata, mai conosciuta, Annamaria.

5717dd529b4f27305b2987ec48a540eb.jpg

Riccione, 29 settembre 2006

Cara dolce Annamaria! Angelo in cielo!

Il Signore Iddio ti ha voluto nella schiera tra i suoi Angeli a 7 anni e mezzo! Anno 1960 (11 dicembre). Avevi da poco fatto la prima Comunione! Era domenica, giocavi allegra e spensierata con le amiche, in un posto di campagna isolato, vicino una pozza d’acqua non profonda, circa mezzo metro, una pozza per abbeverare le bestie!

Ahimè avevi un braccio ingessato per un precedente infortunio e, scivolando nell’acqua a testa in giù, non riuscivi più, a causa di questo, ad alzarti! Così, in pochi maledetti minuti, affogasti tragicamente! Assurdo! A proposito e le tue amiche? Anzichè avere la prontezza e sangue freddo di aiutarti a rialzarti, scapparono sotto shock, senza chiamare gli aiuti che giunsero poi troppo tardi! Assurdo pure questo!

E la canzone di Marinella del mitico Fabrizio De Andrè, si accomuna alla tua tragica storia e al gran dolore dei tuoi genitori (Daniza e Franz):

“Anche tu, trasportata dal vento (…”ma il vento che la vide così bella, dal fiume la portò sopra a una stella”…”e come tutte le più belle cose, vivesti solo un giorno come le rose”… ) vissuta troppo poco, solo un giorno come una rosa, sei ora in cielo su una stella!”

Tuo cugino Gil (Giuliano) Brezza, anche se non ti ha mai conosciuto, quando la canta, te la dedica in memoria!
http://ritayari.myblog.it/media/02/01/55e517bfa572cfbb59a86026d5bbe36d.mp3

 

Storie tragiche in Istria – Annamariaultima modifica: 2007-11-08T09:40:00+01:00da ritayariangelo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento